La Fabbrica di Nichi di Torino
PER POTER SCRIVERE E DISCUTERE SUL FORUM DELLA FABBRICA DEVI REGISTRARTI OPPURE CONNETTERTI SE SEI GIA' REGISTRATO.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Aprile 2018
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Calendario Calendario

Le fABBRICHE incontrano Gennaro Migliore

Mer Feb 16, 2011 5:48 pm Da Admin

Ora
venerdì 18 febbraio · 15.30 - 18.00
Luogo


Commenti: 0

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Lun Dic 06, 2010 8:49 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 1

UN'italia di cui fidarsi

Ven Dic 10, 2010 1:16 am Da Admin


martedì 14 dicembre · 17.00 - 20.00


Commenti: 3

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Ven Nov 12, 2010 9:38 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 3

13/12 Dialogare con gli uomini per vincere contro la violenza di genere“

Dom Dic 05, 2010 10:56 am Da Admin


Lunedì 13, ore 21: la Fabbrica presenta …

Commenti: 0

Google friends
più seguiti
Follow Forum
Parole chiave

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



LA FUNZIONE PUBBLICA CON LA FIOM E CON I LAVORATORI DI MIRAFIORI

Andare in basso

LA FUNZIONE PUBBLICA CON LA FIOM E CON I LAVORATORI DI MIRAFIORI

Messaggio Da Admin il Lun Gen 10, 2011 3:03 pm

LA FUNZIONE PUBBLICA
CON LA FIOM
E CON I LAVORATORI DI MIRAFIORI

La Funzione Pubblica CGIL di Torino condivide le ragioni che hanno portato la FIOM a non sottoscrivere l'accordo del 23 dicembre.

Così come sta avvenendo per i lavoratori e le lavoratrici del pubblico impiego viene messo in discussione il contratto nazionale di lavoro (fino al 2014 non ci sarà rinnovo dei contratti pubblici!) ed il diritto dei lavoratori ad eleggere i loro rappresentanti (non sono state indette le elezioni per il rinnovo delle RSU).

Il blocco delle assunzioni ed il licenziamento dei precari nel pubblico impiego aumentano i carichi di lavoro, intensificano la prestazione, rendono più rischiosa l'attività lavorativa e riducono i servizi ed i diritti dei cittadini.

Dove si producono beni i lavoratori vengono considerati merce, dove si garantiscono diritti per tutti, i lavoratori vengono bollati come fannulloni e considerati solo come un costo da comprimere: sempre si cancella la dignità del lavoro e delle persone che lavorano.

Per questo la FP CGIL di Torino sarà presente con i lavoratori e le lavoratrici pubbliche, del terzo settore e dell'igiene ambientale alle iniziative indette dalla FIOM, a partire dalla

fiaccolata
mercoledì 12 gennaio
a Torino alle ore 17,30
piazza Statuto – angolo Via Garibaldi








TORINO



TORINO TORINO

FIAT MIRAFIORI – CARROZZERIE
NO all’accordo del 23 dicembre perchè
Peggiora enormemente le condizioni di lavoro e di salute dei lavoratori FIAT:
con nuove pesanti turnazioni, fino a 10 ore per turno;
con il taglio delle pause da 40 a 30 minuti;
con 120 ore (15 giorni all’anno) di straordinari obbligatori;
con la mensa collocata a fine turno (è un’illusione pensare che la FIAT abbia accettato di lasciarla a metà turno: infatti nel punto 3 dell’accordo si scrive che si cercheranno le condizioni tecnico-organizzative per collocare la mezz’ora di refezione a fine turno);
con la cancellazione del contratto nazionale di lavoro rimarrà un solo livello contrattuale: quello aziendale, dove rivendicare aumenti salariali (la FIAT ha già fatto saltare il premio).
Con la clausola della responsabilità individuale di ogni singolo lavoratore, che dovrà firmare un contratto individuale (licenziamento da FIAT e riassunzione nella nuova Società Fiat - Chrysler) l’inadempimento di obblighi (es. lo sciopero) comporta provvedimenti disciplinari, fino al licenziamento. E’ una clausola illegittima perché, se applicata, violerebbe il diritto di sciopero che la nostra Costituzione garantisce ai singoli lavoratori.
Terremota il sistema delle relazioni industriali e cancella la democrazia sindacale:
i lavoratori non potranno più eleggere i loro rappresentanti sindacali unitari (le RSU), perché la FIAT riconosce solo la RSA nominata dai sindacati firmatari dell’accordo e in numero paritetico a FIM, UILM, FISMIC, UGL, Associazione Quadri FIAT indipendentemente dalla loro effettiva rappresentanza in azienda;
e con ciò esclude chi dissente dall’accordo, come la FIOM. La FIAT cancella con ciò i diritti sindacali perché i lavoratori non potranno più scegliere i loro rappresentanti.
La FIOM non sarà più titolare di diritti sindacali in FIAT, non potrà avere né rappresentanti in azienda, né ore per i direttivi esterni, né potrà indire assemblee, né potrà partecipare alle discussioni con l’azienda, né potrà raccogliere i fondi derivanti dagli iscritti tramite delega, se non firma l’accordo;
ma con la clausola di responsabilità delle organizzazioni sindacali, tutte le organizzazioni sindacali (quelle firmatarie) sono sottoposte a sanzioni pesantissime, nel caso in cui violino il rispetto di qualche punto dell’accordo, in quel caso, infatti, perdono:
i contributi sindacali raccolti per delega degli iscritti
le ore di permesso sindacale per i direttivi
le ore aggiuntive delle RSA (oltre le 8 ore mensili)
Per tutto questo non si può che dire NO!

_________________
"Nelle fiabe non si insegna ai bambini che esistono i draghi, quello lo sanno già...
...si insegna ai bambini che i draghi si possono sconfiggere"
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 11.11.10
Età : 40
Località : Torino

http://fabbricadinichi.tribunattiva.com

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum